CCCdeconcilio

Informare per passione

servizi

Una panoramica sulla punzonatura dei metalli preziosi

Nella lavorazione dei metalli, con il termine punzonatura viene indicata la tecnica attraverso cui viene impresso sull’oggetto il marchio identificativo del materiale stesso. Per i metalli preziosi, infatti, la legge italiana (ma anche le normative europee vigenti), impone l’obbligo di marchiare secondo codici prestabiliti in particolare sia l’oro che l’argento, così da rendere subito riconoscibile caratteristiche e purezza dei metalli venduti o acquistati. La marchiatura tramite punzonatura viene effettuata dunque per motivi di trasparenza del mercato e per motivi legati alla delicatezza della questione in materia di metalli preziosi, soprattutto negli stati europei.

Secondo il Decreto Legislativo 251/99, i produttori di metalli preziosi europei devono marchiare i metalli preziosi: oro, argento, platino e palladio. Questi metalli che siano puri o in lega, devono riportare nel marchio sia il codice di identificazione (che ne certifica la provenienza) che il titolo in millesimi del fino contenuto in essi. A tal proposito, la legge è estremamente rigida: infatti, è fatto obbligo che ogni oggetto venga punzonato prima di essere messo in commercio; inoltre, la tipologia di marchio nonché la sua forma geometrica devono essere a norma di legge secondo criteri stabiliti nel decreto legislativo sopra menzionato.

Ogni materiale possiede una diversa “scala di valore” che in gergo viene chiamato titolo. Nello specifico:

  • per l’oro, è possibile avere la dicitura 750, 585, 375;
  • per l’argento avremo 925 e 800;
  • per il palladio ci sarà 950 e 500;
  • per il platino sarà possibile trovare 950, 900 e 850.

Nonostante per legge sia necessario punzonare gli oggetti, va detto però che molto spesso la punzonatura non è sempre sufficiente per identificare un oggetto effettivamente realizzato in metallo prezioso da uno falso perché non di rado le punzonature vengono contraffate da esperti del settore che con questa truffa ricavano non pochi soldi. Bisogna quindi affidarsi sempre a personale di fiducia in grado di certificare senza alcun dubbio la qualità dei metalli preziosi.

You Might Also Like