CCCdeconcilio

Informare per passione

edilizia

Ristrutturazioni edilizie: una panoramica

Prima o poi arriva quel momento in cui la tua casa richiede qualche piccola o grande ristrutturazione, come la rimozione di una parete o la creazione di un nuovo bagno. Le ristrutturazioni edilizie sono quei lavori rivolti a trasformare un fabbricato mediante un insieme di opere che possono portarlo ad essere del tutto o in parte diverso dal precedente. Progettare una ristrutturazione significa stabilire quali lavori eseguire, compatibilmente con il proprio budget. In genere si da priorità agli interventi di ammodernamento degli impianti, di miglioramento dell’efficienza energetica, di ripristino delle parti danneggiate e di correzione di eventuali difetti strutturali. Il lavoro di ristrutturazione è una operazione delicata che necessita di competenze specifiche e anche buone capacità organizzative, le fasi della ristrutturazione infatti, vengono identificate come un insieme di operazioni che solo un’azienda ben organizzata è realmente in grado di gestire con tutte le sue complessità e criticità.

La ditta AC Costruzioni vi aiuta a progettare e ristrutturare la vostra abitazione. Offre da 30 anni servizi di ristrutturazione bagno, progettazione e ristrutturazione di appartamenti. Grazie alle moderne attrezzature di cui dispone e al personale altamente qualificato impiegato, è in grado di garantire la migliore realizzazione dei lavori commissionati. La passione per le ristrutturazioni nasce dal desiderio di far conoscere un nuovo stile di vita, il rinnovamento interno ed esterno che permetterà di conseguire la garanzia di una casa moderna, lo stile, pieno di fascino e buon gusto. La ditta è orgogliosa di lavorare per garantirti il miglior risultato possibile, mettendoti a disposizione esperti con esperienza trentennale e garantendoti la garanzia sui lavori secondo le norme di legge. Ristrutturare casa lavorando a stretto contatto con il cliente, per trovare la migliore soluzione e avvalendosi ove necessario dei più prestigiosi studi di architettura, al fine di garantire un restauro della tua abitazione perfetto.

Ciò che più contraddistingue la ditta AC Costruzioni (https://www.accostruzioni.it/ristrutturare-casa-roma.html) è una vera passione per il dettaglio nella ristrutturazione d’interni e di esterni unita alla capacità di adattarsi a qualunque tipo di esigenza. Per le ristrutturazioni complete della tua casa o del tuo appartamento, ti vengono offerte soluzioni chiavi in mano per diverse metrature eseguendo ed acquisendo documentazione e certificazioni per le pratiche burocratiche e tecniche necessarie alla ristrutturazione offrendo sopralluoghi e preventivi gratuiti. Ma quali permessi occorrono per ristrutturare casa? Per capire che tipo di autorizzazione richiedere è necessario individuare con esattezza l’intervento che deve essere effettuato. É la legge che differenzia le varie tipologie e in particolare il Testo Unico dell’Edilizia (d.p.r 380/2001) all’articolo 3, suddividendo gli interventi edili in:

  • interventi di manutenzione ordinaria: lo scopo è quello di agire su finiture e materiali esistenti, senza che ci sia la loro sostituzione, ma solo semplici lavori di riparazione, di sistemazione e di ripristino all’uso.
  • interventi di manutenzione straordinaria: si fa riferimento a tutte quelle opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico – sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni di uso.
  • interventi si restauro e di risanamento conservativo: ovvero tutte quelle opere di consolidamento e rinnovo per conservare le funzionalità dell’immobile.
  • interventi di ristrutturazione edilizia: sono tutte le opere di demolizioni e ricostruzione. Sono comprese anche gli interventi di ristrutturazione sia interna che esterna.

Mentre le opere di manutenzione ordinaria si possono realizzare senza permessi, tutte le opere tese a rinnovare, ristrutturare l’edificio o sue parti strutturali, nonché gli impianti tecnologici e igienico sanitari, richiedono specifiche pratiche da presentare in Comune. Ad esempio la Cila, è lo strumento normativo finalizzato alla realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria che non tocchino le parti strutturali dell’edificio. La Scia invece (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) va presentata per tutti i lavori di manutenzione straordinaria o risanamento conservativo delle parti strutturali dell’edificio.  I lavori realizzati con Scia possono avere inizio lo stesso giorno in cui si presenta la documentazione. Bisogna comunque rispettare alcune importanti condizioni: in sostanza le modifiche presentate con la SCIA non possono alterare quanto riportato, in termini di volumetrie, nel permesso a costruire. Il soggetto che presenta la Scia o che è titolare del permesso di costruire può richiedere il certificato di agibilità entro 15 giorni dalla fine dei lavori o presentare un’autocertificazione sottoscritta da un professionista che ha la piena responsabilità della dichiarazione.

Lo Stato ha introdotto già da diverso tempo una serie di incentivi per incoraggiare il recupero del patrimonio edilizio esistente e contrastare così il fenomeno di costruzione sconsiderata di nuovi edifici: detrazioni ristrutturazioni al 50%, detrazioni per ristrutturazione al 65%, bonus mobili e conto termico. Con la legge di stabilità 2019 sono state prorogate le detrazioni fiscali per la ristrutturazione a tutto il 2019 nella stessa misura del 2017 e del 2018. Chi effettua interventi di ristrutturazione può usufruire di bonus ovvero un’agevolazione fiscale, regolata dall’articolo 16-bis del Dpr 917/86 Tuir, che spetta sugli interventi di ristrutturazione edilizia. Nel caso in cui i lavori di ristrutturazione prevedano anche un ampliamento, la detrazione spetta solo per le spese relative alla parte esistente giacché l’ampliamento si configura come nuova costruzione. La detrazione è ripartita in dieci rate annuali di uguale importo. Il tetto massimo di spesa detraibile è 96.000 euro.

Se i lavori realizzati in un anno consistono nella semplice prosecuzione di interventi iniziati in anni precedenti, per il calcolo del limite massimo delle spese per fruire della detrazione si tiene conto anche di delle spese sostenute negli stessi anni. Oltre questo recupero fiscale per ristrutturazione, possono essercene tanti altri che alcune Regioni e Comuni promuovono per periodi limitati incentivando alcuni interventi di interesse specifico per il proprio territorio. I prezzi dalla ristrutturazione case variano a seconda dell’entità dei lavori, dei materiali, dei costi della manodopera, del livello di concorrenza nella tua zona e dei costi degli adempimenti amministrativi (ad esempio per l’allestimento di un ponteggio), che variano da Comune a Comune. Il bagno, ad esempio, è uno degli ambienti che incide molto sul costo della ristrutturazione di un appartamento, con prezzi variabili da 500 a 1.000 €/m2 a seconda dell’entità della ristrutturazione che si vuole realizzare. L’obiettivo della ditta è di soddisfare la clientela, con la formula chiavi in mano e trarre, in misura della propria partecipazione, ognuno il giusto grado di soddisfazione e appagamento. Pensando alla qualità dell’esito finale, sarai soddisfatto di avere scelto un’azienda in grado di offrire un’offerta chiara ad un prezzo così buono.

 

 

You Might Also Like