CCCdeconcilio

Informare per passione

food

Come gustare i migliori arrosticini abruzzesi

Amiamo grigliare in estate – e anche in altre stagioni, del resto – e più grigliamo, più scopriamo diversi metodi di grigliatura e affumicatura e più siamo motivati ​​a cercare nuove ricette ed esplorare e assaggiare diversi capolavori culinari che possiamo aggiungere al nostro menu. Una di queste scoperte sono gli arrosticini, i classici spiedini di carne abruzzesi.

Originariamente sviluppati in Abruzzo, in Italia, una regione rinomata per il suo allevamento di pecore, questi arrosticini erano tradizionalmente realizzati con carne di pecora maschio sterilizzata, anche se oggigiorno si usa l’agnello in quanto è più facilmente disponibile delle pecore. Il segreto degli arrosticini sono gli affascinanti cubetti in cui viene tagliata la carne, in genere non più grandi di un cm cubo e non più piccoli di un centimetro cubo, delle dimensioni di un dado.

Tradizionalmente i cubetti non sono né conditi né marinati, ma vengono infilzati e grigliati su una speciale griglia chiamata fornacella, una griglia a carbone che tiene gli spiedini lontani dalla brace e li rende facili da ruotare durante la cottura. Inoltre, elimina la possibilità che si attacchino alla griglia. Se non riesci a capire come grigliare uno spiedo senza marinarlo, un po’ di olio d’oliva con un po’ di aglio e rosmarino ti aiuterà.

Per quelli di noi nuovi agli arrosticini, inizia a farne qualche dozzina o giù di lì tagliando a mano la coscia o la spalla di agnello disossata e ben marmorizzata. Mantieni la regola di un rapporto di circa l’80% di carne e il 20% di grassi, questo consentirà alla carne di restare bella e succosa mentre cuoce; i tagli magri possono diventare un po’ secchi e, naturalmente, un po’ di grasso ha un sapore delizioso. Se stai usando degli spiedini di legno, assicurati di immergerli in acqua per una buona mezz’ora circa in modo che non si brucino durante la cottura. Non abbiamo usato una griglia speciale, ma le abbiamo semplicemente adagiate sulla griglia calda e ben condita su carboni vivaci. Come nel caso della maggior parte delle carni, lasciatele riposare per un minuto o due prima di provare a girarle; quando la griglia le rilascia facilmente sono pronte per essere girate, una volta per lato e il gioco è fatto!

Arrosticini abruzzesi

Dove trovare i migliori arrosticini abruzzesi? Sicuramente sul sito Bracevia, che come puoi vedere qui https://www.bracevia.it ti consentirà di gustare le migliori versioni di questa prelibatezza, ottenendole direttamente a casa a poche ore dall’ordine.

 

You Might Also Like